Discussion:
Validità di una scrittura privata
(troppo vecchio per rispondere)
M P
2006-10-16 08:18:02 UTC
Ciao a tutti.
Dovrò dare in prestito ad un parente una certa somma di denaro e per
tutelarmi vorrei redarre con lui una scrittura privata.
La stessa è valida anche senza autenticazione ad esempio allegando copia dei
documenti di identità? Oppure come fare per renderla valida a tutti gli
effetti con la minore spesa possibile (magari evitando il notaio)?
Lucky Monkey
2006-10-16 08:50:59 UTC
Post by M P
Ciao a tutti.
Dovrò dare in prestito ad un parente una certa somma di denaro e per
tutelarmi vorrei redarre con lui una scrittura privata.
La stessa è valida anche senza autenticazione ad esempio allegando copia dei
documenti di identità? Oppure come fare per renderla valida a tutti gli
effetti con la minore spesa possibile (magari evitando il notaio)?
Ti consiglierei di far firmare una o piu' cambiali. Se preferisci cautelarti
con scrittura privata, fai sottoscrivere una dichiarazione in cui si
dichiara debitore nei tuoi confronti della somma xxx indicando il numero
dell'assegno e facendo una fotocopia dell'assegno stesso firmata da lui ed
allegata alla scrittura privata. Indica una scadenza (o piu' scadenze se
concordi una restituzione rateale) prevedendo eventualmente il pagamento di
interessi in caso di ritardo, e poi potrai andare ad un qualunque ufficio
postale per applicare un francobollo sul contratto e farlo timbrare
dall'addetto postale, cosi' attribuirai data certa alla scrittura privata
(e' un espediente che non tutti conoscono per evitare di dover registrare
l'atto).
GREEN GRASS
2006-10-16 10:21:44 UTC
Post by Lucky Monkey
Post by M P
Ciao a tutti.
Dovrò dare in prestito ad un parente una certa somma di denaro e per
tutelarmi vorrei redarre con lui una scrittura privata.
La stessa è valida anche senza autenticazione ad esempio allegando copia dei
documenti di identità? Oppure come fare per renderla valida a tutti gli
effetti con la minore spesa possibile (magari evitando il notaio)?
Ti consiglierei di far firmare una o piu' cambiali. Se preferisci
cautelarti con scrittura privata, fai sottoscrivere una dichiarazione in
cui si dichiara debitore nei tuoi confronti della somma xxx indicando il
numero dell'assegno e facendo una fotocopia dell'assegno stesso firmata da
lui ed allegata alla scrittura privata. Indica una scadenza (o piu'
scadenze se concordi una restituzione rateale) prevedendo eventualmente il
pagamento di interessi in caso di ritardo, e poi potrai andare ad un
qualunque ufficio postale per applicare un francobollo sul contratto e
farlo timbrare dall'addetto postale, cosi' attribuirai data certa alla
scrittura privata (e' un espediente che non tutti conoscono per evitare di
dover registrare l'atto).
E' un espediente che vale poco poco. Peraltro, nel caso specifico, non mi
pare essenziale la data certa.