(troppo vecchio per rispondere)
abuso di potere della polizia
Sapori & Montorsi Assicurazioni
2004-09-06 16:11:13 UTC
Mia figlia ventitreenne, alla guida di una autovettura noleggiata in loco,
procedeva ,a velocità moderata , max 60 km orari, su una strada statale,
con limite di velocità 80km/h., al rientro da una vacanza
in Puglia.
Una pattuglia della stradale le intima l'alt, e lei accosta. Un agente le
contesta che stava sorpassando e che stava procedendo non rispettando i
limiti. Mia figlia dichiara che non stava sorpassando, in quanto non c'erano
auto in nessun senso di marcia e chiedeva in merito a quale rilevatore
potevano contestargli la velocità, al che, le viene ribadito che "allora"
andava forte. Lei contesta. L'altro agente, la zittisce e le chiede
patente e libretto, che lei consegna prontamente. Questi inizia a scrivere
un verbale, e lei chiede ripetutamente cosa stesse scrivendo, allorchè le
viene risposto , con tono initmidatorio, che se non tace le viene
immediatamente ritirata la patente!!!! Mentre uno degli agenti scriveva il
verbale, l'altro inizia a porle delle domande , in tono falsamente
amichevole, chiamandola per il nome di battesimo : da dove veniva, cosa
faceva nella vita, eccc....dichiarando che voleva il suo numero di cellulare
per poterle telefonare, dato che sarebbe stato trasferito nella nostra città
entro 10 gg. Nel frattempo, l'agente che compilava il verbale sogghignava
alle avances del collega ed infine le chiede di sottoscrivere :lei risponde
che intende dichiarare che contesta il tutto, ma le viene intimato di
firmare o le avrebbero ritirato immediatamente la patente. Alla fine lei
firma (purtroppo!!!), prende una copia del verbale e cerca di allontanarsi
in direzione della propria auto, quando, uno degli agenti, prendendola per
un polso la ferma e si fa dare il numero di cellulare dicendole che le
avrebbe telefonato "per un caffè"!!.
Quando mia figlia mi telefona (era quasi a 1000 km da casa), la invito a
fermarsi al più vicino Comando della Polizia e denunciare il fatto : là le
rispondono che deve avere pazienza, che lei è stata sfortunata perchè ha
incontrato uno "scostumato" , ma non vogliono raccogliere la denuncia; lei
mi ritelefona e io le consiglio di presentarsi al più vicino Comando dei
Carabinieri : là le dicono che nella polizia, come tra i medici, ci sono
quelli buoni e quelli "scostumati" (questo è il termine da loro usato) e che
il maresciallo non è presente , tornerà tra 12 ore e non possono fare nulla
(omertà!) se non c'è lui.
Mia figlia è rientrata a casa, ovviamente amareggiata e con un diavolo per
capello, io pure. Ma non intendo demordere : ho già fissato un incontro con
il maresciallo dei CC del mio Comune ed intendo denunciare gli agenti in
questione per abuso di potere, intimidazione, sopruso e quant'altro.
Qualcuno ha esperienze in merito o consigli specifici (oltre a quello di non
avventurarci mai più in vacanza nel Sud Italia)? Quello che io intendo fare
non è ricorrere avvero la contravvenzione, ma al modo disgustoso di prestare
servizio da parte degli agenti.
Preciso che ho la testimonianza della sua amica che era trasportata e che
conferma il tutto.
Grazie
Roberta
p.s. il verbale cita "procedeva a velocità non commisurata creando serio
pericolo per la circolazione " art 141/3.2
·ººÖøÍ_WATER_ÍøÖºº·
2004-09-06 15:17:36 UTC
ti auguro di vincerla sta' causa!!
Post by Sapori & Montorsi Assicurazioni
Mia figlia ventitreenne, alla guida di una autovettura noleggiata in loco,
procedeva ,a velocità moderata , max 60 km orari, su una strada statale,
con limite di velocità 80km/h., al rientro da una vacanza
in Puglia.
Una pattuglia della stradale le intima l'alt, e lei accosta. Un agente le
contesta che stava sorpassando e che stava procedendo non rispettando i
limiti. Mia figlia dichiara che non stava sorpassando, in quanto non c'erano
auto in nessun senso di marcia e chiedeva in merito a quale rilevatore
potevano contestargli la velocità, al che, le viene ribadito che "allora"
andava forte. Lei contesta. L'altro agente, la zittisce e le chiede
patente e libretto, che lei consegna prontamente. Questi inizia a scrivere
un verbale, e lei chiede ripetutamente cosa stesse scrivendo, allorchè le
viene risposto , con tono initmidatorio, che se non tace le viene
immediatamente ritirata la patente!!!! Mentre uno degli agenti scriveva il
verbale, l'altro inizia a porle delle domande , in tono falsamente
amichevole, chiamandola per il nome di battesimo : da dove veniva, cosa
faceva nella vita, eccc....dichiarando che voleva il suo numero di cellulare
per poterle telefonare, dato che sarebbe stato trasferito nella nostra città
entro 10 gg. Nel frattempo, l'agente che compilava il verbale sogghignava
alle avances del collega ed infine le chiede di sottoscrivere :lei risponde
che intende dichiarare che contesta il tutto, ma le viene intimato di
firmare o le avrebbero ritirato immediatamente la patente. Alla fine lei
firma (purtroppo!!!), prende una copia del verbale e cerca di allontanarsi
in direzione della propria auto, quando, uno degli agenti, prendendola per
un polso la ferma e si fa dare il numero di cellulare dicendole che le
avrebbe telefonato "per un caffè"!!.
Quando mia figlia mi telefona (era quasi a 1000 km da casa), la invito a
fermarsi al più vicino Comando della Polizia e denunciare il fatto : là le
rispondono che deve avere pazienza, che lei è stata sfortunata perchè ha
incontrato uno "scostumato" , ma non vogliono raccogliere la denuncia; lei
mi ritelefona e io le consiglio di presentarsi al più vicino Comando dei
Carabinieri : là le dicono che nella polizia, come tra i medici, ci sono
quelli buoni e quelli "scostumati" (questo è il termine da loro usato) e che
il maresciallo non è presente , tornerà tra 12 ore e non possono fare nulla
(omertà!) se non c'è lui.
Mia figlia è rientrata a casa, ovviamente amareggiata e con un diavolo per
capello, io pure. Ma non intendo demordere : ho già fissato un incontro con
il maresciallo dei CC del mio Comune ed intendo denunciare gli agenti in
questione per abuso di potere, intimidazione, sopruso e quant'altro.
Qualcuno ha esperienze in merito o consigli specifici (oltre a quello di non
avventurarci mai più in vacanza nel Sud Italia)? Quello che io intendo fare
non è ricorrere avvero la contravvenzione, ma al modo disgustoso di prestare
servizio da parte degli agenti.
Preciso che ho la testimonianza della sua amica che era trasportata e che
conferma il tutto.
Grazie
Roberta
p.s. il verbale cita "procedeva a velocità non commisurata creando serio
pericolo per la circolazione " art 141/3.2
Conte Oliver
2004-09-06 15:20:35 UTC
Il Mon, 06 Sep 2004 15:11:13 GMT, "Sapori & Montorsi Assicurazioni"
Post by Sapori & Montorsi Assicurazioni
Qualcuno ha esperienze in merito o consigli specifici (oltre a quello di non
avventurarci mai più in vacanza nel Sud Italia)?
Questo serve a poco, dato che gli agenti "scostumati" ci sono al sud
come al nord o al centro (e non è che in ogni zona prestano servizio
agenti del luogo!).
Purtroppo mi pare un malcostume assai diffuso succede molto spesso
anche qui (centro Italia): le ragazze giovani e di bell'aspetto
vengono (chissà perchè) fermate molto più spesso dei rudi maschiacci
anche per i semplici controlli.

Ciao
Conte Oliver
(togli le scarpe per mandarmi una e-mail)
Sapori & Montorsi Assicurazioni
2004-09-06 16:35:12 UTC
E' vero, mia figlia, per quattro anni si è recata all'università in auto ed
è stata spesso fermata, ma qua mai nessuno le ha elevato contravvenzioni o
verbali su violazioni non commesse, e tantomeno nessuno ha fatto il "furbo".
Le ragazze di bell'aspetto devono temere i soprusi delle autorità e
pertanto non devono più condurre autoveicoli?
Forse, sarebbe stato meglio per lei che si fosse ricordata che si stà
laureando in giurisprudenza e che viviamo in uno stato di diritto!!!!
Ciao
Roberta
Post by Conte Oliver
Il Mon, 06 Sep 2004 15:11:13 GMT, "Sapori & Montorsi Assicurazioni"
Post by Sapori & Montorsi Assicurazioni
Qualcuno ha esperienze in merito o consigli specifici (oltre a quello di non
avventurarci mai più in vacanza nel Sud Italia)?
Questo serve a poco, dato che gli agenti "scostumati" ci sono al sud
come al nord o al centro (e non è che in ogni zona prestano servizio
agenti del luogo!).
Purtroppo mi pare un malcostume assai diffuso succede molto spesso
anche qui (centro Italia): le ragazze giovani e di bell'aspetto
vengono (chissà perchè) fermate molto più spesso dei rudi maschiacci
anche per i semplici controlli.
Ciao
Conte Oliver
(togli le scarpe per mandarmi una e-mail)
pekilan
2004-09-06 17:35:22 UTC
Mi sorprende allora che tua figlia abbia ceduto ad un:
"là le rispondono che deve avere pazienza, che lei è stata sfortunata
perchè ha incontrato uno "scostumato" , ma non vogliono raccogliere la
denuncia; lei mi ritelefona e io le consiglio di presentarsi al più
vicino Comando dei Carabinieri : là le dicono che nella polizia, come
tra i medici, ci sono quelli buoni e quelli "scostumati" (questo è il
termine da loro usato) e che il maresciallo non è presente , tornerà tra
12 ore e non possono fare nulla (omertà!) se non c'è lui."

Infatti tua figlia dovrebbe sapere che la denuncia la scrive Lei, la
firma e la presenta. Se l'impiegato rifiuta di accettarla, intimazione
di omissione di atti d'ufficio (aveva l'amica come testimone ? o no ?).
Sono sicuro che il collega poliziotto non si sarebbe messo nei guai fino
a quel punto per coprire "lo scostumato". Tra l'altro mi pare, prendere
per il polso e con le argomentazioni usate, mi sembrano molestie serie,
forse anche sessuali. Presentazione per sicurezza di una copia anche dai
carabinieri. In ogni caso farsi protocollare una fotocopia per ricevuta.

In quanto alla multa, senza autovelox, per il giudice la vostra parole
vale quanto quella dei due poliziotti. Anche se il giudice avrebbe
respinto il vostro ricorso, resta traccia della contestazione su quei
poliziotti. Quando si sono accumulate un certo numero di contestazioni,
un procuratore in carriera potrebbe, tra qualche anno, dargli del filo
da torcere. Ma se mandate tutti a vino e taralucci insegnate a quei
poliziotti che possono andare avanti impuniti.
Quindi e' anche importante contestare la multa. Del resto come si fa
altrimenti a sostenere che sono state fermate solo per una scusa essendo
due ragazze e da cui e' seguito poi il resto, con le minacce di ritiro
della patente (a cui tua figlia non doveva cedere, infatti avrebbe
dovuto rispondere: "volete ritirarmi la patente ? fattelo, poi state
sicuri che subirete le conseguenze per via ufficiale". Sono sicuro che
il poliziotto costernato avrebbe lasciato perdere. E se era cosi' scemo
da non fare retromarcia, avreste avuto ulteriori elementi per dimostrare
l'abuso. La prima cosa che un'avvocato (tua figlia ?) dovrebbe imparare
e' lasciare che la controparte si intorcolli da solo il cappio al collo,
incitandolo a proseguire nella sua tesi se e' palesemente sbagliata.

Pekilan
Post by Sapori & Montorsi Assicurazioni
Forse, sarebbe stato meglio per lei che si fosse ricordata che si stà
laureando in giurisprudenza e che viviamo in uno stato di diritto!!!!
Big Boss
2004-09-06 20:28:19 UTC
Post by pekilan
Infatti tua figlia dovrebbe sapere che la denuncia la scrive Lei, la
firma e la presenta. Se l'impiegato rifiuta di accettarla, intimazione
di omissione di atti d'ufficio (aveva l'amica come testimone ? o no ?).
concordo con il Pekilan... la querela ( perchè di tale cosa si tratta ) ,
può essere presentata scritta anche di proprio pugno in qualsiasi ufficio di
Polizia, che ha l' obbligo di Ratificarla apponendo semplicemente una
dicitura sul retro (o altrove ) della memoria presentata dal querelante...
l' unica cosa che è richiesta, per la ratifica di una denuncia/querela, è la
firma di un Ufficiale di Polizia Giudiziaria e non in tutte le stazioni di
Polizia/Carabinieri/Guardia di Finanza/Polizia Municipale l' UPG è presente
h24.... ecco forse il perchè del diniego dell' addetto di quel momento...
nessun problema... basta recarsi ad un altro posto di "polizia" ( dove
intendo una qualsiasi delle sopracitate fdo ) . Se la signorina in questione
è una studentessa di Giurisprudenza, mi chiedo come mai non sapesse queste
cose che sono le basi del Diritto (studiato poco?) ... Saprà anche che ha
tempo 90 giorni per sporgere querela nei confronti degli agenti in
questione.... Si tenga presente che ogni verbale elevato riporta un numero
di matricola in base al quale è possibile risalire ai nominativi degli
agenti accertatori ... si tenga altresì presente che, in questi casi, è
molto probabile che gli stessi, raggiunti da un avviso di garanzia in merito
all' episodio citato, propongano controquerela per calunnia.... ai giudici
l' ardua sentenza...
Saluti
Andrea
Sb
2004-09-06 19:58:39 UTC
Post by pekilan
Infatti tua figlia dovrebbe sapere che la denuncia la scrive Lei, la
firma e la presenta. Se l'impiegato rifiuta di accettarla, intimazione
di omissione di atti d'ufficio (aveva l'amica come testimone ? o no ?).
Confermo. Aggiungo che con i Carabinieri sono tendenzialmente più seri. Una
volta ho avutio problemi analoghi e fui chiamato da un Capitano
incazzatissimo che non vedeva l'ora di indivuduare i colpevoli e dargli
quello che si meritavano.
felix.
2004-09-06 20:59:40 UTC
Post by Sapori & Montorsi Assicurazioni
Mia figlia ventitreenne, alla guida di una autovettura noleggiata in loco,
procedeva ,a velocità moderata , max 60 km orari, su una strada statale,
.............................................................................
Post by Sapori & Montorsi Assicurazioni
Qualcuno ha esperienze in merito o consigli specifici (oltre a quello di non
avventurarci mai più in vacanza nel Sud Italia)?
Fatto esecrabile senza dubbio,non meno del tuo post che trasuda
pregiudizio,l'avventurarci poi,e' la ciliegina sulla torta.
ciaofelix:-)
--
questo articolo e` stato inviato via web dal servizio gratuito
http://www.newsland.it/news segnala gli abusi ad ***@newsland.it
Dracula
2004-09-07 02:14:44 UTC
Post by Sapori & Montorsi Assicurazioni
Una pattuglia della stradale le intima l'alt, e lei accosta. Un agente le
contesta che stava sorpassando e che stava procedendo non rispettando i
limiti. Mia figlia dichiara che non stava sorpassando, in quanto non c'erano
auto in nessun senso di marcia
apparte tutto il resto...ma questa è la cosa che mi sciocca di +...ma che
cazzo di faccia tosta hanno certi agenti?
spesso se ne approfittano...troppo...
g
2004-09-07 07:06:27 UTC
Procedi come hai detto non tralasciando che la P.S. e i C.C. non hanno
voluto ricevere la denuncia minimizzando l'accaduto. Nel mio comune invece
alcuni agenti si facevano dare contanti per evitare di elevare ingiuste
contravvenzioni. La fine?!?!?..... li hanno "beccati" grazie a persone come
te che hanno denunciato l'accaduto.
Forse sarò un idealista ma certa gente pone fango ache sulla brava gente non
credi?
Post by Sapori & Montorsi Assicurazioni
Mia figlia ventitreenne, alla guida di una autovettura noleggiata in loco,
procedeva ,a velocità moderata , max 60 km orari, su una strada statale,
con limite di velocità 80km/h., al rientro da una vacanza
in Puglia.
Una pattuglia della stradale le intima l'alt, e lei accosta. Un agente le
contesta che stava sorpassando e che stava procedendo non rispettando i
limiti. Mia figlia dichiara che non stava sorpassando, in quanto non c'erano
auto in nessun senso di marcia e chiedeva in merito a quale rilevatore
potevano contestargli la velocità, al che, le viene ribadito che "allora"
andava forte. Lei contesta. L'altro agente, la zittisce e le chiede
patente e libretto, che lei consegna prontamente. Questi inizia a scrivere
un verbale, e lei chiede ripetutamente cosa stesse scrivendo, allorchè le
viene risposto , con tono initmidatorio, che se non tace le viene
immediatamente ritirata la patente!!!! Mentre uno degli agenti scriveva il
verbale, l'altro inizia a porle delle domande , in tono falsamente
amichevole, chiamandola per il nome di battesimo : da dove veniva, cosa
faceva nella vita, eccc....dichiarando che voleva il suo numero di cellulare
per poterle telefonare, dato che sarebbe stato trasferito nella nostra città
entro 10 gg. Nel frattempo, l'agente che compilava il verbale sogghignava
alle avances del collega ed infine le chiede di sottoscrivere :lei risponde
che intende dichiarare che contesta il tutto, ma le viene intimato di
firmare o le avrebbero ritirato immediatamente la patente. Alla fine lei
firma (purtroppo!!!), prende una copia del verbale e cerca di allontanarsi
in direzione della propria auto, quando, uno degli agenti, prendendola per
un polso la ferma e si fa dare il numero di cellulare dicendole che le
avrebbe telefonato "per un caffè"!!.
Quando mia figlia mi telefona (era quasi a 1000 km da casa), la invito a
fermarsi al più vicino Comando della Polizia e denunciare il fatto : là le
rispondono che deve avere pazienza, che lei è stata sfortunata perchè ha
incontrato uno "scostumato" , ma non vogliono raccogliere la denuncia; lei
mi ritelefona e io le consiglio di presentarsi al più vicino Comando dei
Carabinieri : là le dicono che nella polizia, come tra i medici, ci sono
quelli buoni e quelli "scostumati" (questo è il termine da loro usato) e che
il maresciallo non è presente , tornerà tra 12 ore e non possono fare nulla
(omertà!) se non c'è lui.
Mia figlia è rientrata a casa, ovviamente amareggiata e con un diavolo per
capello, io pure. Ma non intendo demordere : ho già fissato un incontro con
il maresciallo dei CC del mio Comune ed intendo denunciare gli agenti in
questione per abuso di potere, intimidazione, sopruso e quant'altro.
Qualcuno ha esperienze in merito o consigli specifici (oltre a quello di non
avventurarci mai più in vacanza nel Sud Italia)? Quello che io intendo fare
non è ricorrere avvero la contravvenzione, ma al modo disgustoso di prestare
servizio da parte degli agenti.
Preciso che ho la testimonianza della sua amica che era trasportata e che
conferma il tutto.
Grazie
Roberta
p.s. il verbale cita "procedeva a velocità non commisurata creando serio
pericolo per la circolazione " art 141/3.2
Tito
2004-09-07 07:58:11 UTC
Post by Big Boss
Post by pekilan
Infatti tua figlia dovrebbe sapere che la denuncia la scrive Lei, la
firma e la presenta. Se l'impiegato rifiuta di accettarla, intimazione
di omissione di atti d'ufficio (aveva l'amica come testimone ? o no ?).
concordo con il Pekilan... la querela ( perchè di tale cosa si tratta ) ,
può essere presentata scritta anche di proprio pugno in qualsiasi ufficio di
Polizia, che ha l' obbligo di Ratificarla apponendo semplicemente una
dicitura sul retro (o altrove ) della memoria presentata dal querelante...
l' unica cosa che è richiesta, per la ratifica di una denuncia/querela, è la
firma di un Ufficiale di Polizia Giudiziaria e non in tutte le stazioni di
Polizia/Carabinieri/Guardia di Finanza/Polizia Municipale l' UPG è presente
h24.... ecco forse il perchè del diniego dell' addetto di quel momento...
nessun problema... basta recarsi ad un altro posto di "polizia" ( dove
intendo una qualsiasi delle sopracitate fdo ) . Se la signorina in questione
è una studentessa di Giurisprudenza, mi chiedo come mai non sapesse queste
cose che sono le basi del Diritto (studiato poco?) ...
ci risiamo!! vuoi vedere adesso che la colpa è della ragazza perchè non ha
studiato abbastanza?
TITO
sandro
2004-09-07 09:08:15 UTC
per la multa dai un'occhiata a questo post..
credo che quella dovrai pagarla.
buona fortuna per il resto.

--------------------------------
Inviato via http://arianna.libero.it/usenet/
sandro
2004-09-07 09:08:33 UTC
per la multa dai un'occhiata a questo post..
credo che quella dovrai pagarla.
buona fortuna per il resto.

http://arianna.libero.it/usenet/cgi-bin/ViewArticle.epl?MESSAGE_ID=%3C80Z183Z103Z110Y1093492368X6225%40usenet%2Elibero%2Eit%3E&TABLES=RECENT_MSG&QTERMS=multa&CATEG_PARAM=Hobby&SOTTOCATEG_PARAM=Auto%20e%20moto&GRUPPO=it%2Ediscussioni%2Eauto

--------------------------------
Inviato via http://arianna.libero.it/usenet/
Ronson
2004-09-07 12:12:34 UTC
Post by Sapori & Montorsi Assicurazioni
Mia figlia è rientrata a casa, ovviamente amareggiata e con un diavolo per
capello, io pure. Ma non intendo demordere : ho già fissato un incontro con
il maresciallo dei CC del mio Comune ed intendo denunciare gli agenti in
questione per abuso di potere, intimidazione, sopruso e quant'altro.
Qualcuno ha esperienze in merito o consigli specifici (oltre a quello di non
avventurarci mai più in vacanza nel Sud Italia)? Quello che io intendo fare
non è ricorrere avvero la contravvenzione, ma al modo disgustoso di prestare
servizio da parte degli agenti.
Preciso che ho la testimonianza della sua amica che era trasportata e che
conferma il tutto.
Povera italietta repressa :-((((( Ste cose pensavo appartenessero al
passato.

In ogni caso ti consiglio di bypassare la polizia giudiziaria presentando
direttamente esposto presso la Procura della Repubblica della tua citta'.

Mi raccomando: NON LASCIATE CADERE LA COSA. Se e quando verra' accertata
la penale responsabilita' degli agenti potrete anche rivalervi per i danni.

Nel sito in firma troverai dettagli su cosa sia e come presentare un
esposto.

-------
Consulenza legale di base senza che vi mettano le mani nelle tasche e vi
svuotino il portafoglio?

www.comemidifendo.it
Ronson
2004-09-07 12:13:14 UTC
Post by felix.
Post by Sapori & Montorsi Assicurazioni
Mia figlia ventitreenne, alla guida di una autovettura noleggiata in loco,
procedeva ,a velocità moderata , max 60 km orari, su una strada statale,
.............................................................................
Post by Sapori & Montorsi Assicurazioni
Qualcuno ha esperienze in merito o consigli specifici (oltre a quello di non
avventurarci mai più in vacanza nel Sud Italia)?
Fatto esecrabile senza dubbio,non meno del tuo post che trasuda
pregiudizio,l'avventurarci poi,e' la ciliegina sulla torta.
Ma cosa dici felix??????? Altro che pregiudizio: la persona in questione
e' stata fin troppo pacata nell'esposizione.
Ronson
2004-09-07 12:17:56 UTC
Post by Conte Oliver
Il Mon, 06 Sep 2004 15:11:13 GMT, "Sapori & Montorsi Assicurazioni"
Post by Sapori & Montorsi Assicurazioni
Qualcuno ha esperienze in merito o consigli specifici (oltre a quello di non
avventurarci mai più in vacanza nel Sud Italia)?
Questo serve a poco, dato che gli agenti "scostumati" ci sono al sud
come al nord o al centro (e non è che in ogni zona prestano servizio
agenti del luogo!).
Purtroppo mi pare un malcostume assai diffuso succede molto spesso
anche qui (centro Italia): le ragazze giovani e di bell'aspetto
vengono (chissà perchè) fermate molto più spesso dei rudi maschiacci
anche per i semplici controlli.
Guarda, io penso tutto il bene possibile delle forze dell'ordine italiane:
fanno un lavoro difficile, di grande responsabilita', e sono pagati un
tozzo di pane. Sono costretti ad avere a che fare con gente che guadagna
10 volte loro facendo un beneamato nulla (vedi gli avvocati, e anche i
giudici rispetto a loro sono dei privilegiati).

Posso pero' purtroppo confermare che in passato e' successo anche a me di
subire piccole ripicche solo perche' magari ero in giro a divertirmi con
una ragazza carina in macchina o in moto: fermato e perquisito alle
dogane, battute della stradale, ecc ecc. Nulla pero' mai di cosi' pesante.

Mi capitava pero' in giro per le strade italiane di vedere ragazze carine
fermate e agenti che dicevano cose senza senso (allungavo l'orecchio e
sentivo, una volta volevo intervenire).

Io penso che e' nell'interesse della polizia italiana combattere
pesantemente questi comportamenti allucinanti ed e' compito di chi li
subisce denunciarli fermamente.

-------
Consulenza legale di base senza che vi mettano le mani nelle tasche e vi
svuotino il portafoglio?

www.comemidifendo.it
felix.
2004-09-07 14:06:23 UTC
Post by Ronson
Post by felix.
Post by Sapori & Montorsi Assicurazioni
Mia figlia ventitreenne, alla guida di una autovettura noleggiata in loco,
procedeva ,a velocità moderata , max 60 km orari, su una strada statale,
............................................................................
Post by Ronson
Post by felix.
Post by Sapori & Montorsi Assicurazioni
Qualcuno ha esperienze in merito o consigli specifici (oltre a quello di non
avventurarci mai più in vacanza nel Sud Italia)?
Fatto esecrabile senza dubbio,non meno del tuo post che trasuda
pregiudizio,l'avventurarci poi,e' la ciliegina sulla torta.
Ma cosa dici felix??????? Altro che pregiudizio: la persona in questione
e' stata fin troppo pacata nell'esposizione.
Non mi riferivo al comportamento di quegli imbecilli,ma al chiosare
sul fatto che e' successo al Sud Italia.
ciaofelix:-)
--
questo articolo e` stato inviato via web dal servizio gratuito
http://www.newsland.it/news segnala gli abusi ad ***@newsland.it
Borto
2004-09-07 16:55:56 UTC
propria auto, quando, uno degli agenti, prendendola per un polso la
ferma e si fa dare il numero di cellulare dicendole che le avrebbe
telefonato "per un caffè"!!.
ma lasciargli subito il numero di cellulare e poi denunciarlo per l'art. 660
(molestie ad uso telefono) e per violazione di privacy (il num di cel) non
era piì semplice?!?!?
--
~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~
Addio "Piero", non ti dimenticherò! - Golf GTI "Renato-Arturo" driver
\ | / Togli SILVIA per rispondere in e-mail! www.borto.net
(@ @) [21y (112&~30) VE] Rep.Serenissima 14p.ti
---o00-(_)-00o-----------------------------------------------------
Correr, competir, eu levo isso no sangue, é parte de minha vida

Ayrton Senna
~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~
Sapori & Montorsi Assicurazioni
2004-09-07 17:00:46 UTC
Ringrazio tutti della disponibilità e dei suggerimenti, che mi risulteranno
preziosi.
Nella mattinata odierna mi sono recata, insieme a mia figlia, alla stazione
Carabinieri del mio Comune, e riferendo al Maresciallo l'accaduto.
Ovviamente, come mi aspettavo, ho ricevuto consigli in merito, ma avrò
necessità dell'assistenza del mio penalista (che si trova in ferie).
Preciso, per dovere di chiarezza, che mia figlia ritengo abbia studiato a
sufficienza, dato che fra 20 giorni si laurea (non mini-laurea) alla
veneranda età di quasi 23 anni. Questa era la vacanza che le avevo regalato
per la laurea.
Intendo precisare che mia figlia sapeva perfettamente che i termini della
querela sono 90gg. , ma io stessa, telefonicamente, le ho suggerito di
recarsi subito alla stazione di Polizia più vicina, proprio perchè, in fase
giudiziaria non emergesse , come voi ben sapete che avrebbe potuto
succedere, che l'esposto era stato presentato successivamente inventandosi
di sana pianta l'accaduto, (seppur con una teste, ma anche loro sono in
due, ) e molto probabilmente il giudice avrebbe ritenuto più attendibile la
testimonianza di agenti delle Forze dell'Ordine, con il rischio di una
controquerela per calunnia. (rischio ancora in essere....!)
Ha intanto stilato una memoria scritta, da inviarsi per raccomandata al
Questore di C......., e p.c. al Ministero dell'Interno, alla pol. strad. di
C......., ai Carabinieri di C......., alla stazione della Polizia Stradale
della nostra città (dato che il tizio in questione aveva detto che qui
sarebbe stato trasferito), in cui, oltre all'esposizione dettagliata dei
fatti e degli eventi che si sono succeduti presso le Stazioni sia di Polizia
che dei CC, precisa che si aspetta una risposta da parte dei superiori
degli agenti in questione, entro 30 gg dalla data di ricevimento della
Racc. R.R.; in caso di mancata risposta provvederà ad informare la stampa
sia della città in cui si è verificato il fatto sia quella nostra città,
riservandosi, comunque il diritto di presentare querela.
Mi scuso se ho usato un linguaggio che avrà certamente potuto offendere i
meridionali, ma non era mio intendimento:
ho amici meridionali che stimo moltissimo,persone fidatissime e che si
farebbero in quattro nel caso avessi bisogno di loro.
Tantomeno ce l'ho con le forze dell'Ordine : ho amici integerrimi nella
Polizia e parenti che sono Ufficiali dell'Arma, di un rigore morale
profondissimo, e proprio per questo sono indignata dal comportamento di
coloro che non hanno rispetto per la divisa che portano; ho trasmesso questi
valori a mia figlia, che , nel corso degli eventi succedutegli, non riusciva
a credere a ciò che le stava capitando , tantopiù, che a Giurisprudenza in
nessuna materia studiata le veniva insegnato come difendersi dagli abusi,
dalle intimidazioni e dai soprusi delle Autorità.
Grazie a tutti
Roberta
Post by Ronson
Post by Sapori & Montorsi Assicurazioni
Mia figlia è rientrata a casa, ovviamente amareggiata e con un diavolo per
capello, io pure. Ma non intendo demordere : ho già fissato un incontro con
il maresciallo dei CC del mio Comune ed intendo denunciare gli agenti in
questione per abuso di potere, intimidazione, sopruso e quant'altro.
Qualcuno ha esperienze in merito o consigli specifici (oltre a quello di non
avventurarci mai più in vacanza nel Sud Italia)? Quello che io intendo fare
non è ricorrere avvero la contravvenzione, ma al modo disgustoso di prestare
servizio da parte degli agenti.
Preciso che ho la testimonianza della sua amica che era trasportata e che
conferma il tutto.
Povera italietta repressa :-((((( Ste cose pensavo appartenessero al
passato.
In ogni caso ti consiglio di bypassare la polizia giudiziaria presentando
direttamente esposto presso la Procura della Repubblica della tua citta'.
Mi raccomando: NON LASCIATE CADERE LA COSA. Se e quando verra' accertata
la penale responsabilita' degli agenti potrete anche rivalervi per i
danni.
Post by Ronson
Nel sito in firma troverai dettagli su cosa sia e come presentare un
esposto.
-------
Consulenza legale di base senza che vi mettano le mani nelle tasche e vi
svuotino il portafoglio?
www.comemidifendo.it
Sapori & Montorsi Assicurazioni
2004-09-07 17:06:48 UTC
............Ho dimenticato! Nel fotocopiare il verbale da allegare
all'esposto, ho rilevato che l'agente che lo ha compilato ha "anche"
sbagliato la targa dell'auto!!!!!!!
Roberta
Post by Big Boss
Post by pekilan
Infatti tua figlia dovrebbe sapere che la denuncia la scrive Lei, la
firma e la presenta. Se l'impiegato rifiuta di accettarla, intimazione
di omissione di atti d'ufficio (aveva l'amica come testimone ? o no ?).
concordo con il Pekilan... la querela ( perchè di tale cosa si tratta ) ,
può essere presentata scritta anche di proprio pugno in qualsiasi ufficio di
Polizia, che ha l' obbligo di Ratificarla apponendo semplicemente una
dicitura sul retro (o altrove ) della memoria presentata dal querelante...
l' unica cosa che è richiesta, per la ratifica di una denuncia/querela, è la
firma di un Ufficiale di Polizia Giudiziaria e non in tutte le stazioni di
Polizia/Carabinieri/Guardia di Finanza/Polizia Municipale l' UPG è presente
h24.... ecco forse il perchè del diniego dell' addetto di quel momento...
nessun problema... basta recarsi ad un altro posto di "polizia" ( dove
intendo una qualsiasi delle sopracitate fdo ) . Se la signorina in questione
è una studentessa di Giurisprudenza, mi chiedo come mai non sapesse queste
cose che sono le basi del Diritto (studiato poco?) ... Saprà anche che ha
tempo 90 giorni per sporgere querela nei confronti degli agenti in
questione.... Si tenga presente che ogni verbale elevato riporta un numero
di matricola in base al quale è possibile risalire ai nominativi degli
agenti accertatori ... si tenga altresì presente che, in questi casi, è
molto probabile che gli stessi, raggiunti da un avviso di garanzia in merito
all' episodio citato, propongano controquerela per calunnia.... ai giudici
l' ardua sentenza...
Saluti
Andrea
Pagina Successiva >
Pagina 1 di 2